Festa Patronale 2017

Una pietra dopo l’altra, alto arriverai…

Ogni uomo semplice, porta in cuore un sogno, con amore ed umiltà, potrà costruirlo. Se con fede tu saprai vivere umilmente, più felice tu sarai, anche senza niente. Dai e dai ogni giorno con il tuo sudore  una pietra dopo l’altra alto arriverai…

Pensando all’inizio del nuovo anno pastorale, che per noi coincide felicemente con la festa patronale, mi sono tornate in mente le parole di questa dolcissima canzone, colonna sonora del film su san Francesco, “Fratello sole e sorella luna” .  Anche a me capita, come immagino a tutti voi di lasciarmi andare, ogni tanto, a dei sogni, a coltivare dei desideri che cerco poi di concretizzare in scelte di vita.  Anche noi, cristiani del duemila, provocati dal novello Francesco, siamo chiamati ad intraprendere con letizia la “riparazione della casa del Signore” che è la nostra persona, la nostra famiglia, la nostra comunità… Dai e dai, ogni giorno con il tuo sudore, una pietra dopo l’altra in alto si arriverà!

Vorrei provare a dare dei suggerimenti affinchè questo nuovo anno sia una bella ascesa per tutti.

Iniziamo a collocare come fondamento la pietra della fede in Dio: è Lui che ci rivela che non siamo qui per caso ma perché pensati, desiderati ed amati. Amati da morire! Ce lo conferma Gesù: ha attraversato i cieli per venire a dircelo, ha speso la sua vita per di-mostrarcelo. Il suo amore è più forte della morte ed ora ci rassicura: “Non vi abbandono, non vi lascio orfani.. sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo”.  La fede ci aiuta a vedere tanti fratelli e sorelle, tanti amici con cui costruire rapporti di con-fidenza.

La seconda pietra è quella della speranza: non andiamo a finire in un buco nero, nel nulla… “Sei in buone mani, fidati” ci dice Gesù. E noi impariamo a cantargli  con una hit del momento: “ Nei tuoi occhi c'è il cielo più grande che io abbia visto mai / E le tue braccia una spazio perfetto in cui ci tornerei per sempre/ In cui ci resterei per sempre”. Nulla di ciò che abbiamo vissuto è inutile, anche le esperienze negative ci possono allenare a crescere, a rafforzarci, ad imparare ciò che dobbiamo evitare..  Le positive invece diventano il trampolino di lancio che ci permette di guardare al futuro senza paura. C’è Qualcuno che ci aspetta per abbracciarci.

La terza pietra è quella della carità, l’amore: Puoi decidere le strade che farai /puoi scalare le montagne oltre i limiti che hai /potrai essere qualcuno se ti va/ ma se non ami/non hai un vero motivo per vivere/se non ami/non ti ami e non ci sei/se non ami non ha senso tutto quello che fai…  l'amore attende e non è invadente e non grida mai se parli ti ascolta tutto sopporta crede in quel che fai…  Senza amore noi non siamo niente mai” cantava qualche anno fa Nek parafrasando san Paolo.

Ciascuno di voi, sotto la guida dello Spirito Santo, può continuare l’esercizio per costruire quell’edificio spirituale che è la propria famiglia, la nostra comunità, la nuova umanità.

Maria, madre del bell’amore, ci accompagni e ci sostenga!

Buon lavoro!

 

 

Padre Francesco e i sacerdoti della parrocchia


Festa Patronale 2017



Scarica il Programma della Festa Patronale 2017!

Download
festapatronale2017.jpg
Formato JPG 435.4 KB

" Famiglia delle Famiglie!" Alcuni programmi importanti della Festa Patronale!

Venerdi  15 ore 20 Serata pub animata dai giovani della parrocchia con la partecipazione del dj Lucci

 

Sabato 16 ore 16 Giochi e animazione per bambini pesca di beneficenza e  Gara delle torte

 

Ore 20. 30 “ Cinque passi verso il cielo” curata dalla scuola danza “ Espressione danza” Ingresso libero

 

Domenica 17

Giornata della famiglia

Ore 10,45 Rinnovo promesse matrimoniali e benedizione degli zaini per tutti gli studenti

Ore 16.30 Torneo di burraco

Ore 20.30 serata danzante e gara di ballo animata da “Simone e la sua fisarmonica”

 

Lunedi 18

Giornata del Sacramento della Vita

Ore 18.15 Vespri e a seguire Santo Rosario

Ore 20.30 Santa Messa e benedizione di tutti i bambini battezzati nell’anno

 

Martedi 19

Giornata degli Operatori Pastorali

 

Ore 18.15 Vespri e a seguire Santo Rosario

Ore 19 Santa Messa

Ore 21 “ La Parrocchia Famiglia di Famiglie”

In cammino verso il regno Incontro con il Vescovo di settore Mons. Paolo Selvadagi

 

Mercoledi 20

Giornata della Catechesi

Ore 17 Incontro di Preghiera

Sono invitati tutti i bambini ed i ragazzi del catechismo accompagnati dai loro genitori, gli adolescenti. L’incontro si concluderà con una merenda in oratorio.

Ore 18,15 Vespri e a seguire Santo Rosario

Ore 19 Santa Messa

 

Giovedi 21

Giornata dell’Eucarestia

Dalle 8 alle 24 Adorazione Eucaristica

Ore 18.15 Vespri e a seguire Santo Rosario

Ore 19 Santa Messa

 

 

Venerdi 22

Giornata della Misericordia

Ore 16

I sacerdoti sono disponibili per le Confessioni

Ore 18.15 Vespri e a seguire Santo Rosario

Ore 19 Santa Messa con unzione infermi

Cena sociale con musica di “ John e Trisha” ( su prenotazione)

 

Sabato 23

Ore 21 “ Orchestra spettacolo di Valli e Palma”

 

Domenica 24

Ore 10.45 Santa Messa Solenne

Ore 16 Banda musicale per le vie del quartiere

Ore 17.30 Santa Messa Solenne a seguire processione Mariana per le vie del quartiere

Ore 21 Spettacolo musicale con il Trio “ Sarà l’Aurora”

Ore 22.30 Estrazione Lotteria e Fuochi d’artificio


Festa Patronale 2016


Salve  Regina Madre di Misericordia…

Raccontano le cronache che l’ammiraglio Cristoforo Colombo, durante quella traversata che avrebbe  cambiato il mondo, era solito far cantare al suo equipaggio, al termine del giorno, la “Salve Regina”.

Anche noi, all’inizio di questo nuovo anno pastorale, vogliamo affidarci a Maria  perché ci accompagni e ci protegga, invocandola con questo bel titolo: Salve Regina, Madre di Misericordia.

La dolcezza del suo sguardo ci accompagni in questo Anno Santo, perché tutti possiamo riscoprire la gioia della tenerezza di Dio.. Tutto nella sua vita è stato plasmato dalla presenza della misericordia fatta carne. La Madre del Crocifisso Risorto è entrata nel santuario della misericordia divina perché ha partecipato intimamente al mistero del suo amore… Maria attesta che la misericordia del Figlio di Dio non conosce confini e raggiunge tutti senza escludere nessuno. Rivolgiamo a lei la preghiera antica e sempre nuova della Salve Regina, perché non si stanchi mai di rivolgere a noi i suoi occhi misericordiosi e ci renda degni di contemplare il volto della misericordia, suo Figlio Gesù. ” (Papa Francesco)

 

Maria, volgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi…

Continua a vigilare sui nostri bambini come facevi con  il piccolo Gesù, affinchè possano sempre sentirsi al sicuro nel caldo nido dell’amore di papà e mamma.  Preservali dagli scandali della violenza e dona loro serenità e gioiosa spensieratezza.

Stai accanto ai nostri adolescenti affinchè sappiano imparare a gestire la loro libertà con responsabilità. Accompagnali nelle loro prime esperienze amorose, perché scoprano la bellezza dell’attrazione reciproca ed imparino la difficile arte del donarsi agli altri.

Suggerisci ai nostri giovani la strada da intraprendere per realizzare la loro vocazione. Incoraggiali nei momenti di difficoltà e di sconforto perché non si abbandonino alla depressione ma osino lottare per un mondo più bello, più giusto e fraterno…

Vigila sulle nostre case perché siano il luogo in cui impariamo a vivere le nostre relazioni sul modello della santa Famiglia di Nazaret. Insegnaci a confidare nella grazia di Dio ed a ricercare la sua volontà nella preghiera e nella vita ecclesiale. Fa che non manchi mai il necessario sulle nostre tavole, frutto di un lavoro dignitoso  ed onesto. Istruiscici perché impariamo  a dialogare con pacatezza e rispetto al fine di creare una confidenza sempre più libera e profonda . Insegnaci a superare i conflitti e le crisi con il dono della tua misericordia. Donaci forza e pazienza per sopportare le prove e le malattie. Donaci la perseverante creatività della carità perché non cadiamo nella noia apatica ma siamo aperti all’accoglienza ed alla solidarietà.

Infine ti affidiamo i nostri sofferenti: coloro che hanno perso una persona cara, quanti sono stati traditi o rifiutati, i malati e gli anziani: dona loro conforto e speranza…

… o clemente o pia, o dolce Vergine  Maria

 

 

Padre  Francesco ed i sacerdoti


Per scaricare intero programma

Download
Libretto 17x24 web.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB

Galleria Festa Patronale 2016!


 

A Maria..

 

A settembre nella nostra comunità parrocchiale accade un fatto bellissimo:dopo la pausa estiva c’è un risveglio:l’inizio dell’anno pastorale e tutte le attività(oratorio,catechesi,ritiri)riprendono il loro ritmo.

L’apertura coincide proprio con “la festa patronale” e ogni persona volenterosa,esperta in qualcosa organizza la propria giornata nell’ambito della “festa”.

Il mio compito è di creare,con carta,nastri e tutto ciò che riesco a trovare,gli addobbi per rendere più festose le vie al passaggio della processione.

Ogni anno cerco sempre idee e cose nuove,è da un po’ di tempo che mi dedico a questo,cercando di coinvolgere altre persone,dando loro il materiale per addobbare le proprie vie,così da sentirsi più partecipi.Con il passare degli anni tutte le cose che si fanno riescono nel migliore dei modi proprio con la partecipazione della comunità parrocchiale-nostro piccolo mondo!.

Le angolature si sono smussate e ogni anno sento sempre più l’intervento,la vicinanza,l’aiuto materiale e morale di persone di buona volontà.

In questi giorni sembra quasi che il quartiere entri in fermento:trovo le siepi potate,i viali puliti e mentre lavoro per l’allestimento degli addobbi ,a volte per diverse ore al giorno,passando da una via all’altra,c’è chi mi da una mano,chi passa e elargisce complimenti,tanto che nel mio cuore sento di dover ringraziare e pregare.Anzi durante quei giorni di preparazione assaporo la complicità di chi si unisce a me per realizzare queste semplici opere di abbellimento delle strade e tale condivisione commuove e rallegra.

Tutto ciò dà un valore particolare alla carta trasformata in fiori e fiocchi,ai fiori di cartapesta che,animati dalla brezza,pare vogliano rivolgere un saluto alla gente che segue Maria portata in processione per le vie del quartiere.

Forse è l’amore che muove tutto quanto:l’amore per la Mamma di Gesù.

Ed è un’armonia che si diffonde nel cuore delle tantissime persone che accompagnano il cammino della Vergine fra le nostre case.Ma c’è anche chi rimane in disparte,forse per timore osserva da lontano.Non posso fare a meno di pensare al Centurione romano che sotto la Croce ascolta le parole del Cristo che perdona e promette al malfattore pentito il Regno,verificando così l’Amore che unisce il Figlio al Padre.Ebbene sono certa che anche uno spettatore distaccato avverte la bellezza del dono del proprio lavoro e delle piccole cose che accompagnano Maria che si fa Madre delle nostre case.

 

Adriana (Progetto di Fede 2012)

 


 

 

 

La Festa Patronale in questi anni...

 

Festa Patronale

Come un’unica famiglia

 

La festa patronale è importante:ci fa sentire membri di un’unica famiglia.

Ci fa sentire “Comunità”,quartiere.Il senso dell’appartenenza.

 

 Anche quest’anno si è fatto festa assieme.Una festa patronale particolare che si è appropriata degli spazi del complesso parrocchiale e che è stato un momento di incontro di grande importanza,che ci ha fatto sentire membri di un’unica famiglia.Che ci ha fatto sentire”Comunità”,”quartiere”.

Sì,perché ci sono sempre mancati il quartiere;ed oggi,comprendiamo,la nostra bella Chiesa può essere anche l’elemento aggregante.

Sono passati alcuni mesi dalla festa patronale del 16-24 settembre scorso,ma vale la pena ricordarla,anche a distanza di tempo.E’ un tassello in più del ruolo che può svolgere,anzi che sta già svolgendo la nuova Chiesa;è fede,partecipazione religiosa,è incontro,aggregazione;è festa,gioco,canti,è cultura…

La festa patronale si svolge dal lontano 1983.Da 17 anni contribuisce a dare un’”identità al quartiere.E’ cresciuta anno dopo anno,è stata una festa “itinerante”,ospitata ora dal quartiere,ora dal Padre Monti ora dalle Suore della Compassione..oggi ha trovato casa stabile..

Ed è stata la festa di sempre,con i suoi giochi,con i concorsi a premi,le luminarie,i fuochi d’artificio.Eppoi le specialità gastronomiche,i balli,gli spettacoli di gruppi musicali ed artisti,le pesche di beneficenza,il commercio equosolidale.C’è stata la sfilata di macchine d’epoca.

Abbiamo avuto pure i nostri particolari “giochi senza frontiere”.

Insomma la festa di sempre.

Tra i numerosi artisti che si sono succeduti sul palco,una sottolineatura va fatta per Gigi Vigliani,noto al pubblico televisivo che ha svolto una serata forse irriverente,ma con grande professionalità e capacità di coinvolgimento del pubblico.Con canti ed imitazioni davvero perfette.

 

Ma la festa è anche,non va mai dimenticato,incontro religioso;e,con la festa, si è svolta anche la”settimana pastorale” improntata sul ruolo che ogni gruppo,ogni parrocchiano ha nella sua comunità in ragione della sua età,intelligenza e qualità personali.Ogni giorno della settimana ci sono stati dunque incontri dei gruppi e delle famiglie.

Infine la Messa Solenne con la bella Processione che ha percorso le vie del quartiere,che ha portato la nostra Madonna,per le nostre strada,saldando Chiesa e quartiere.Siamo una Comunità senza barriere che si ritrova nella festa,nella fede,nella speranza.

 

 

Walter(Progetto di Fede 2001)

 

Galleria di alcune Foto della Festa Patronale  2015...




La gita..

 

 I sacerdoti e i collaboratori....

 

 

 

 

Lo spettacolo…




Le strade addobbate e la banda musicale ..





La processione…